Per quali disturbi è più indicata la Terapia Cognitivo Comportamentale?

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterGoogle+0Share on LinkedIn0Email to someone

Terapia Cognitivo ComportamentaleLa Terapia Cognitivo Comportamentale è validata empiricamente,  risulta efficace sia con adulti che con bambini e adolescenti e si può applicare al trattamento individuale, di coppia e di gruppo. Risulta efficace in molti disturbi psicologici:  l’ansia, gli attacchi di panico, il disturbo ossessivo-compulsivo, le fobie, la depressione, i disturbi del comportamento alimentare, disturbo di stress post-traumatico, i disturbi del sonno, dipendenza da alcool, droghe, dipendenza affettiva, dipendenza sessuale e da internet, gioco d’azzardo patologico, disfunzioni sessuali, disturbi di personalità e, associata ad un appropriato trattamento farmacologico, il disturbo bipolare e la schizofrenia.

Inoltre le tecniche cognitivo comportamentali possono essere utilizzate in caso di difficoltà relazionali in vari contesti (coppia, lavoro, famiglia) e in percorsi di crescita personale volti allo sviluppo dell’autostima, dell’autoefficacia,  dell’assertività, delle abilità di problem solving e di fronteggiamento dello stress.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterGoogle+0Share on LinkedIn0Email to someone